Donna de Paradiso di Jacopone da Todi

Donna de Paradiso è una lauda drammatica di Jacopone da Todi. Il racconto della passione di Cristo segue quello dei Vangeli. Maria, la protagonista della lauda, non è un essere divino, sebbene il nunzio la chiami “donna de Paradiso” ma una madre disperata per la morte del proprio figlio. Jacopone utilizza in questa lauda il sermo humilis dei Vangeli, uno stile basso che si rivolgeva ai lettori semplici e senza dottrina per diffondere un messaggio modesto e umile e allo stesso tempo elevato e profondo. (E.Auerbach, Lingua letteraria e pubblico nella tarda antichità e nel Medioevo, in Guglielmino, Grosser, Il sistema letterario, Duecento e Trecento, p.427-428, Principato)
Video: Donna de Paradiso rappresentata da Compagnia Agorà

[Nunzio] «Donna de Paradiso,
lo tuo figliolo è preso
Iesù Cristo beato.

Accurre, donna e vide
che la gente l’allide: 5
credo che lo s’occide,
tanto l’ho flagellato».

[Maria] «Como essere porria,
che non fece follia,
Cristo, la spene mia, 10
om l’avesse pigliato?»

[Nunzio] «Madonna, ell’ è traduto,
Iuda sì l’à venduto;
trenta denar’ n’à avuto,
fatto n’à gran mercato». 15

[Maria] «Soccurri, Madalena,
ionta m’è adosso piena!
Cristo figlio se mena,
como è annunzïato».

[Nunzio] «Soccurre, donna, adiuta, 20
cà ’l tuo figlio se sputa
e la gente lo muta;
hòlo dato a Pilato».

[Maria] «O Pilato, non fare
el figlio meo tormentare, 25
ch’eo te pòzzo mustrare
como a ttorto è accusato».
[Folla] «Crucifige, crucifige!
Omo che se fa rege,
secondo la nostra lege 30
contradice al senato».

[Maria] «Prego che me ’ntennate,
nel mio dolor pensate:
Forsa mo vo mutate
de que avete pensato». 35

[Folla] «Traam for li ladruni,
che sian suoi compagnuni;
de spine se coroni,
ché rege s’è chiamato!»

[Maria] «O figlio, figlio, figlio, 40
figlio, amoroso giglio!
Figlio, chi dà consiglio
al cor mio angustïato?

Figlio occhi iocundi,
figlio, co’ non respundi? 45
Figlio, perché t’ascundi
al petto o’ sì lattato?»

[Nunzio] «Madonna, ecco la croce,
che la gente l’aduce,
ove la vera luce 50
déi essere levato».

[Maria] «O croce, e que farai?
El figlio mio torrai?
Como tu ponirai,
chi non ha en sé peccato?» 55

[Nunzio] «Soccurri, piena de doglia,
cà ’l tuo figliol se spoglia;
la gente par che voglia
che sia martirizzato!»

[Maria] «Se i tollite el vestire, 60
lassatelme vedere,
como el crudel ferire
tutto l’ho ensanguenato!»
[Nunzio] «Donna, la man li è presa,
ennella croce è stesa; 65
con un bollon l’ho fesa,
tanto lo ci ho ficcato.

L’altra mano se prende,
ennella croce se stende
e lo dolor s’accende, 70
ch’è più multiplicato.

Donna, li pè se prenno
e chiavellanse al lenno:
onne iontur’ aprenno,
tutto l’ò sdenodato». 75

[Maria] «Et io comenzo el corrotto;
figlio, lo meo deporto,
figlio, chi me t’ha morto,
figlio mio dilicato?

Meglio averiano fatto 80
ch’el cor m’avesser tratto,
che ne la croce è tratto,
stace descilïato!»

[Cristo] «Mamma, ove si venuta?
Mortal me dai feruta, 85
cà ’l tuo plagner me stuta
ché ’l veio sì afferato».

[Maria] «Figlio, che m’aio anvito,
figlio, pate e marito!
Figlio, chi t’ha ferito? 90
Figlio, chi t’ha spogliato?»

[Cristo] «Mamma, perché te lagni?
Voglio che tu remagni,
che serve ei mei compagni,
ch’al mondo aio aquistato». 95

[Maria] «Figlio, questo non dire!
Voglio teco morire,
non me voglio partire
fin che mo m’esce ‘l fiato.
C’una aiam sepoltura, 100
figlio de mamma scura,
trovarse en afrantura
mat’e figlio affocato!»

[Cristo] «Mamma col core afflitto,
entro le man te metto 105
de Ioanne, mio eletto:
sia to figlio appellato.

Ioanni, èsto mia mate:
tollela en caritate,
àginne pietate, 110
ca’l core sì ha furato».

[Maria] «Figlio, l’alma t’è ’scita,
figlio de la smarrita,
figlio de la sparita,
figlio attossecato! 115

Figlio bianco e vermiglio,
figlio senza simiglio,
figlio e a chi m’apiglio?
Figlio, pur m’hai lassato!

Figlio bianco e biondo, 120
figlio volto iocondo,
figlio, perché t’ha ‘l mondo,
figlio, così sprezzato?

Figlio dolze e placente,
figlio de la dolente, 125
figlio, hatte la gente
malamente trattato!

Ioanni, figlio novello,
mort’è ’l tuo fratello.
Ora sento ’l coltello 130
che fo profitizzato.

Che moga figlio e mate
d’una morte afferrate,
trovarse abraccecate
mat’e figlio impiccato».
(testo in Guglielmino, Grosser, Il sistema letterario, Duecento e Trecento, p.429-433, Principato)

Note:
allide: colpisce, percuote
ionta m’è adosso piena: mi è arrivata addosso un grande dolore
con un bollon l’ho fesa: con un chiodo l’hanno tagliata
onne iontur’ aprenno, tutto l’ò sdenodato: aprendo ogni giuntura l’hanno tutto disarticolato
corrotto: lamento, pianto funebre
desciliato: straziato
cà ’l tuo plagner me stuta ché ’l veio sì afferato: il tuo pianto mi uccide perché lo vedo così angosciato
che m’aio anvito: che ne ho ragione, motivo
scura: infelice
afrantura: prostrazione
affocato: soffocato
furato: trafitto
moga: muoia

Print Friendly, PDF & Email