Jeanne Hebutérne: Adamo ed Eva

J.Hebuterne Adamo e Eva

Questo dipinto di Jeanne Hebutèrne, pittrice francese (1898-1920), è il retro di un quadro che rappresenta una natura morta. E’ stato recentemente esposto alla mostra milanese a Palazzo Reale “Modigliani , Soutine e gli artisti maledetti”.
Esso raffigura Adamo ed Eva subito dopo il peccato originale. I due giovani completamente nudi sono abbracciati. Eva ha in una mano il frutto proibito, Adamo le passa un braccio sulle spalle, entrambi con le mani libere coprono la mela, che si intravede rosseggiare tra le loro dita. In basso a sinistra, tre arieti  che dormicchiano e pascolano. Dietro di loro un albero su quale è attorcigliato un lungo serpente. Su un cielo grigio e nuvoloso si apre uno spazio azzurro vuoto . L’immagine è serena ed equilibrata, non c’è segno di paura, i due lunghi, esili corpi dei giovani sono dolcemente appoggiati l’uno all’altro, i loro volti sono affiancati ed entrambi hanno gli sguardi assorti, rivolti al frutto protetto dalle mani. L’immagine ispira una tranquilla serietà, la consapevolezza del duro compito che l’uomo e la donna sanno attenderli.

Print Friendly, PDF & Email