Storia della colonna infame di Alessandro Manzoni

 

La Storia della colonna infame è un saggio storico pubblicato nel 1840 in appendice a I promessi sposi. Nel saggio Manzoni ricostruisce il processo contro Guglielmo Piazza e Gian Giacomo Mora, che  accusati di essere untori, vennero torturati e condannati a morte nel 1630. Nel luogo della casa distrutta di Gian Giacomo Mora venne eretta una colonna detta infame per ricordare ai posteri il misfatto compiuto e la pena subita dallo scellerato, insieme al complice Guglielmo Piazza.
Nell’introduzione al saggio Manzoni espone il motivo per cui ha ritenuto opportuno occuparsi della vicenda. Pietro Verri in un scritto del 1777 Osservazioni sulla tortura si era servito di quel processo come di un argomento a sostegno dell’inutilità e barbarie della tortura.
Manzoni invece intende dimostrare che l’ingiustizia compiuta contro due innocenti in quel processo sia da attribuirsi non all’uso della tortura o all’ignoranza del tempo sui modi di trasmissione della peste, ma “da atti iniqui prodotti da (…) passioni perverse”
Quei giudici pur avendo a propria disposizione lo strumento della tortura e pur non sapendo che non era possibile diffondere la peste tramite le unzioni malefiche avrebbero potuto evitare l’ingiusta condanna se avessero fatto uso della ragione, della loro capacità di giudicare, di distinguere il bene dal male e non lo fecero non perché non potevano farlo, ma perché non vollero farlo, perché “si può bensì essere forzatamente vittime, ma non autori” di ingiustizie. Manzoni afferma che il male si compie sempre sapendo di compierlo e che è dovere degli uomini interrogarsi sulle proprie azioni e riconoscere sempre le proprie responsabilità.

Da Introduzione a Storia della colonna infame di Alessandro Manzoni
“E non temiamo d’aggiungere che potrà anche esser cosa, in mezzo ai più dolorosi sentimenti, consolante. Se, in un complesso di fatti atroci dell’uomo contro l’uomo, crediam di vedere un effetto de’ tempi e delle circostanze, proviamo, insieme con l’orrore e con la compassion medesima, uno scoraggimento, una specie di disperazione. Ci par di vedere la natura umana spinta invincibilmente al male da cagioni indipendenti dal suo arbitrio, e come legata in un sogno perverso e affannoso, da cui non ha mezzo di riscotersi, di cui non può nemmeno accorgersi. Ci pare irragionevole l’indegnazione che nasce in noi spontanea contro gli autori di que’ fatti, e che pur nello stesso tempo ci par nobile e santa: rimane l’orrore, e scompare la colpa; e, cercando un colpevole contro cui sdegnarsi a ragione, il pensiero si trova con raccapriccio condotto a esitare tra due bestemmie, che son due deliri: negar la Provvidenza, o accusarla. Ma quando, nel guardar più attentamente a que’ fatti, ci si scopre un’ingiustizia che poteva esser veduta da quelli stessi che la commettevano, un trasgredir le regole ammesse anche da loro, dell’azioni opposte ai lumi che non solo c’erano al loro tempo, ma che essi medesimi, in circostanze simili, mostraron d’avere, è un sollievo il pensare che, se non seppero quello che facevano, fu per non volerlo sapere, fu per quell’ignoranza che l’uomo assume e perde a suo piacere, e non è una scusa, ma una colpa; e che di tali fatti si può bensì esser forzatamente vittime, ma non autori.”

Traduzione dal latino dell’iscrizione della lapide apposta nei pressi della colonna infame, attualmente la lapide si trova al Castello Sforzesco di Milano, sotto il portico della Rocchetta.
QUI, OVE S’APRE QUESTO LARGO,
SORGEVA UN TEMPO LA BOTTEGA DEL BARBIERE
GIAN GIACOMO MORA
CHE, ORDITA CON IL COMMISSARIO DELLA PUBBLICA SANITÀ GUGLIELMO PIAZZA
E CON ALTRI UNA COSPIRAZIONE,
MENTRE UN’ATROCE PESTILENZA INFURIAVA,
COSPARGENDO DIVERSI LOCHI DI LETALI UNGUENTI
MOLTI CONDUSSE AD UN’ORRENDA MORTE.
GIUDICATI ENTRAMBI TRADITORI DELLA PATRIA,
IL SENATO DECRETÒ’
CHE DALL’ALTO DI UN CARRO
PRIMA FOSSERO MORSI CON TENAGLIE ROVENTI,
MUTILATI DELLA MANO DESTRA,
SPEZZATE L’OSSA DEGLI ARTI,
INTRECCIATI ALLA RUOTA, DOPO SEI ORE SGOZZATI,
BRUCIATI E POI,
PERCHÉ DI COTANTO SCELLERATI UOMINI NULLA AVANZASSE,
CONFISCATI I BENI,
LE CENERI DISPERSE NEL CANALE.
PARIMENTI DIEDE ORDINE CHE
AD IMPERITURO RICORDO
LA FABBRICA OVE IL MISFATTO FU TRAMATO
FOSSE RASA AL SUOLO
NÉ MAI PIÙ RICOSTRUITA;
SULLE MACERIE ERETTA UNA COLONNA
DA CHIAMARE INFAME.
LUNGI ADUNQUE DA QUI, ALLA LARGA,
PROBI CITTADINI,
CHE UN ESECRANDO SUOLO
NON ABBIA A CONTAMINARVI!
ADDÌ I AGOSTO 1630
(sen. Marcantonio Monti prefetto della pubblica sanità
Giovambattista Visconti capitano di giustizia)

Dopo la rimozione della colonna i nomi degli autori  furono cancellati dalla lapide; essi  si trovano in una trascrizione della lapide contenuta in Remarks on several parts of Italy & C. in the years 1701, 1702, 1703 di Joseph Addison, Londra 1753, pag. 35:
PRÆSIDE PVB. SANITATIS M. ANTONIO MONTIO SENATORE
R. IVSTITIÆ CAP. IO. BAPTISTA VICECOMIT

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.