Jeanne Hébuterne

Jeanne Hébuterne, le noix de coco

Jeanne Hébuterne (Meaux6 aprile 1898 – Parigi25 gennaio 1920) è stata una pittrice francese.Cresciuta in una famiglia cattolica di piccola borghesia (il padre era un ebreo convertito), si introdusse nel mondo dell’arte iscrivendosi alla comunità artistica di Montparnasse. Continuò a coltivare la sua carriera iscrivendosi all’Académie Colarossi dove nel 1917 conobbe Amedeo Modigliani con il quale si sposò e andò a vivere diventando così la sua musa ispiratrice, infatti la perfezione del suo viso, oltre ai bellissimi e lunghi capelli castano chiaro, le valsero il soprannome di noix de coco. Questa sua passione artistica si approfondì nel tempo fino a che l’arte non diventò il suo vero e proprio lavoro, nonché parte integrante della sua vita. Il marito si ammalò di tisi e dunque, un anno più tardi, la coppia si trasferì a Nizza dove nacque la prima figlia Jeanne. Rimasero in Costa Azzurra meno di un anno e la primavera successiva, nonostante il peggioramento della salute di Modigliani, i due tornarono nuovamente a vivere a Parigi, nel quartiere di MontparnasseNel 1920 il marito morì e il giorno dopo la giovane (al nono mese di gravidanza) si suicidò lanciandosi dalla finestra dell’appartamento (che si trovava al quinto piano), morendo sul colpo. I familiari la seppellirono nel cimitero di Bagneux ma nonostante disapprovassero la sua relazione con Modigliani, nel 1930 acconsentirono che venisse trasferita al cimitero Père Lachaise accanto all’amato.

 

Adamo ed Eva – Jeanne Hébuterne (1919)

Questo dipinto è il retro di un quadro che rappresenta una natura morta. E’ stato recentemente esposto alla mostra milanese a Palazzo Reale “Modigliani , Soutine e gli artisti maledetti”. Esso raffigura Adamo ed Eva subito dopo il peccato originale. I due lunghi ed esili corpi dei due amanti, nudi e stretti in un abbraccio, accarezzano la mela primordiale, che si intravede rosseggiare tra le loro dita. Si nota un’allusione all’esperienza della donna con Modigliani, in quanto l’amore peccaminoso tra Adamo ed Eva sembra rappresentare il loro stesso amore, che unisce e non divide. In basso a sinistra si vedono tre arieti, dietro di loro un albero sul quale è attorcigliato un lungo serpente. Sullo sfondo grigio notiamo delle nuvole, e improvvisamente compare uno spiraglio di cielo azzurro. L’immagine ispira una tranquilla serietà, è serena ed equilibrata e non c’è segno di paura. 

  http://it.wikipedia.org/wiki/Jeanne_H%C3%A9buterne

Jeanne Hebutérne: Adamo ed Eva


http://www.liberaeva.com/vernissage/jeannehebuterne.htm

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email